The President Show | Mark Allan | Hardcore Discussion Requests

Stronger - Io sono più forte

Seleziona una città:
Guardalo nei
cinema più vicini.
TRAMA
Stronger - Io sono più forte

Jake Gyllenhaal interpreta Jeff, un 27enne che era alla maratona per provare a riconquistare l’amore della sua ex-ragazza Erin (Tatiana Maslany). È lì al traguardo ad aspettarla quando le bombe esplodono, provocandogli la perdita di entrambe le gambe. Dopo aver ripreso conoscenza in ospedale, Jeff aiuterà la polizia ad identificare uno degli attentatori, ma la sua battaglia personale è soltanto all’inizio. Dovrà affrontare lunghi mesi di riabilitazione fisica ed emotiva, trovando in se stesso e nell’instancabile supporto di Erin e della sua famiglia, la forza per reagire. Stronger è il racconto intimo e personale di un viaggio eroico che Jeff ha compiuto, un viaggio che ha messo alla prova i legami familiari, ha stimolato l’orgoglio ed il senso di appartenenza ad una comunità, e ha fatto emergere in lui quella forza interiore nascosta che permette a tutti noi di superare anche le sfide più dure che la vita ci presenta. Emozionante, diretto, ricco di umanità: Stronger è l’incredibile storia vera dell’uomo che rappresenta l’incarnazione vivente della “forza di Boston”. Nel film, diretto da David Gordon Green, spicca anche la partecipazione della candidata premio Oscar Miranda Richardson.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Stronger
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
01 distribuzione
DURATA
119 min.
USCITA CINEMA
04/07/2018
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2017
RECENSIONE
di Mattia Pasquini
 
L'attentato alla maratona di Boston del 2013 è uno di quegli argomenti ai quali il pubblico - soprattutto quello statunitense - ha dimostrato di non saper resistere, nonostante sia stato già trattato di recente nel Boston - Caccia all'uomo di Peter Berg. Un compito facile, e impegnativo insieme, per David Gordon Green, ormai lontano dai tempi di Strafumati o Lo spaventapassere, che avanza nel percorso intrapreso con Joe e Manglehorn 'sfruttando' l'intensità e il talento di Jake Gyllenhaal (appena incontrato alla Festa di Roma). Immediatamente inserito tra i contendenti al prossimo Oscar per il suo Jeff Bauman, il ventottenne di Boston che perse le gambe nell'esplosione e al cui libro autobiografico si ispira Stronger.
 
Molti meriti, della riuscita del film e dell'ottima performance del suo compagno, vanno però dati alla Tatiana Maslany di Orphan Black, una sorpresa che potremmo ritrovare sullo stesso palco del Dolby Theatre di Los Angeles il 4 marzo. E che, nei panni della fidanzata di Bauman, Erin Hurley, si offre come cardine e sostegno di una vicenda che rischia di sbandare molto spesso. Ma che indubbiamente raggiunge il suo obiettivo. Facile commozione e retorica a stelle e strisce comprese. Certo, non solo quelle, ma è inevitabile - volendo raccontare una storia come questa - che ne siano parte integrante.
 
Boston Strong (come da titolo del libro di Casey Sherman e Dave Wedge) d'altronde nasce da lì, dal bisogno della Nazione di ritrovarsi, di sentirsi unita e più forte del nemico di turno. L'ennesimo. Ma i nemici sono diversi, ché ognuno ha i suoi, persino tra le mura di casa. Come sono anche nella difficoltà della madre e dell'intero onnipresente clan familiare, per esempio, troppo 'typical' per comprendere immediatamente la reale situazione, il trauma, la portata di un evento che trascende l'occasione mediatica proprio ripiegandosi su se stesso, concentrandosi sul particolare, del protagonista e delle tante persone comuni spaventate e sole.
 
C'è tanta umanità, una quantità difficile da gestire. Soprattutto senza scivolare. Senza perdere l'equilibrio, o la giusta distanza, quando necessario. Come ogni tanto capita, purtroppo. Ma con l'aumentare dei temi e l'approfondimento del personaggio e delle sue relazioni col mondo, si finisce con il riflettere sulla depressione e la sindrome post-traumatica da stress, disturbi ben più distruttivi e autolesionisti che piano prendono il sopravvento, anche nella narrazione. Per fortuna di un film che, cercando di restare sempre corretto o di 'denunciare' gli errori più comuni nei confronti della disabilità finisce per mostrarci una serie di figure sconfitte dalla vita, di esempi edificanti o scene commoventi piuttosto 'al limite'.
 
In generale si avverte un eccesso di messa in scena, ché bastava davvero meno per essere 'inspirational'; e forse Green in questo senso non dà il meglio, non quanto l'ensemble dei suoi attori almeno. Compresa la stessa Boston, e lo storico Fenway Park del finale. Ma l'onestà non manca, ed è evidente; anche se tra elaborazione, senso di colpa e rifiuto (che non può non far pensare alla lettura di Ang Lee del giorno da eroe di Billy Lynn) sono molti i momenti meritevoli, e i dettagli, anche non sempre immediati da cogliere, che ne fanno un film da consigliare.