Amberlight 2 | Unified Remote | Comédia Dramática
NOTIZIE

James Gunn da Guardiani della galassia alla regia di Suicide Squad 2?

Il regista, cacciato dalla Marvel, potrebbe scrivere e dirigere il sequel DC

10.10.2018 - Autore: Marco Triolo
Dopo essere stato licenziato dalla Marvel a causa di vecchi tweet controversi tornati in superficie, James Gunn è pronto a passare alla Distinta Concorrenza, come la DC viene definita dai marvelliani. Il regista e sceneggiatore è stato infatti chiamato a scrivere Suicide Squad 2, e probabilmente anche a dirigerlo. Per ora, comunque, è solamente in trattative.
 
C'è di più: stando a io9, che ha riportato lo scoop, il nuovo film non sarebbe un vero sequel ma “una nuova versione” di Suicide Squad. Non si capisce se si intenda un reboot oppure, semplicemente, un film con una squadra rinnovata.
 
L'originale Suicide Squad è stato uno dei maggiori successi commerciali del cosmo DC: diretto da David Ayer, il film ha incassato 745 milioni di dollari nel mondo. Dopo che Ayer ha detto di non voler tornare alla regia del sequel, Warner Bros. ha corteggiato Jaume Collet-Serra e addirittura Mel Gibson, prima di affidare il progetto a Gavin O'Connor, regista di The Accountant.

LEGGI ANCHE: I MIGLIORI SUPERGRUPPI DEL CINEMA.
 
Ma poi l'insuccesso di Justice League ha rimesso tutto in discussione. I sequel di Justice League e L'uomo d'acciaio sono finiti nel limbo, e su di essi grava anche la supposta uscita di scena di Ben Affleck e Henry Cavill, rispettivamente Batman e Superman. Nel limbo sono finiti anche progetti come Flashpoint, Green Lantern Corps, il film su Harley Quinn e Joker e il film solista di Cyborg. Sul piatto rimangono Aquaman, Shazam! e Wonder Woman 1984, tutti in uscita nei prossimi mesi, oltre al film tutto al femminile Birds of Prey, dove Margot Robbie riprenderà il ruolo di Harley Quinn.
 
Tutto considerato, e visto anche che il primo Suicide Squad è andato bene, è difficile credere che il sequel sarà in realtà un reboot. Forse, semplicemente, Warner/DC si sta tenendo aperte le opzioni nel caso alcuni membri del cast (come Will Smith, ma anche la Robbie, altrove impegnata) non intendessero tornare.